SE IL LADRO UTILIZZA IL PONTEGGIO…SON GUAI ANCHE PER IL CONDOMINIO 
15909
post-template-default,single,single-post,postid-15909,single-format-standard,bridge-core-2.1.8,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-20.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,elementor-default
 

SE IL LADRO UTILIZZA IL PONTEGGIO…SON GUAI ANCHE PER IL CONDOMINIO 

SE IL LADRO UTILIZZA IL PONTEGGIO…SON GUAI ANCHE PER IL CONDOMINIO 

Talvolta accade che la presenza di un ponteggio nella facciata di un condominio agevoli l’ingresso indesiderato di ladri in appartamento. 
Se ciò accade, il primo soggetto chiamato a rispondere dell’accaduto è sicuramente l’imprenditore incaricato di eseguire le opere, ovvero, nello specifico, quell’imprenditore che non riesca a dimostrare di aver adottato misure di sicurezza adeguate ad impedire l’utilizzo anomalo del ponteggio o, in alternativa, che non sia in grado di provare la verificazione di un c.d. caso fortuito. 
Meno scontato, ma altrettanto rilevante sotto il profilo giuridico, appare il ruolo del condominio, considerato che lo stesso può essere ritenuto responsabile, in qualità di soggetto che ha richiesto il mantenimento della struttura, per omessa vigilanza e custodia ex art. 2051 c.c., così come confermato recentemente dalla Suprema Corte di Cassazione (26691/2018)

No Comments

Post A Comment